7 Benefici dell’Amaro di Corbezzolo

Un po’ di Cultura

Non serve cercare in lungo e in largo per trovare un miele di qualità, sano e benefico.

In Italia abbiamo moltissimi prodotti che hanno queste proprietà, tra cui anche i mieli, in particolare il Miele di Corbezzolo: raro, costoso, sano e benefico.

Il corbezzolo è una pianta di lenta crescita, della famiglia delle Ericacee, solo in zone favorevoli e riparate riesce a raggiungere dai 6 ai 10 metri di altezza; purtroppo per via degli incendi e del taglio dei boschi in cui cresce difficilmente supera i 2,5 metri. Lo si può trovare in tutta la fascia mediterranea delle regioni meridionali dell’Europa, anche se in minor numero nella fascia centrale e addirittura in Irlanda.

Facendo un passo indietro nella storia, si dice che siano stati gli antichi Romani a dare il nome Arbutus unedo a questa particolare pianta. Virgilio nelle Georgiche, infatti, chiamava questo albero così diffuso in Italia, arbutus. Plinio, invece era solito chiamarlo, come i suoi contemporanei, unedo, che deriva da unum edo “ne mangio uno solo”, semplicemente per indicare quanto fosse sgradevole (amaro) il sapore del frutto del corbezzolo.

Molto amato per i colori dei frutti, sempre presenti, che passano da verde a rosso acceso, per i suoi fiori bianchi a campanula e la contorsione dei suoi rami.

Dai bellissimi fiori, bianchi, piccoli, a forma di campanula le api ricavano un nettare di altissima qualità che trasformano in un miele molto particolare.

ape su fiore di corbezzolo
frutto arancione del corbezzolo

I 7 Benefici:

Il gusto è al tempo stesso amaro e dolce, non è molto adatto per addolcire le bevande; la consistenza non è quasi mai liquida, ma sempre caratterizzata da finissimi cristalli di zucchero di color ocra.

1. Ricchissimo di Antiossidanti:

Il miele di corbezzolo è caratterizzato da un’altissima presenza di antiossidanti, alcuni dicono anche più della melata, che sono utilissimi per combattere i radicali liberi nell’organismo.

2. Antinfiammatorio:

Per la grande quantità di antiossidanti il miele di corbezzolo diviene un forte antisettico e antinfiammatorio, infatti è molto utilizzato per alleviare i dolori intestinali e, principalmente, il mal di gola e la tosse dovuti a contaminazioni batteriche nel cavo orale. Un cucchiaino alla mattina.

3. Contro certi Sintomi Asmatici:

NON sostituisce le terapie mediche!

Questo miele può essere coadiuvante (aiutante) delle terapie anti-asmatiche, grazie sempre alla grande presenza di antiossidanti.

4. Energizzante:

Come tutti i mieli, essendo ricco di zuccheri naturali (glucosio + fruttosio), il miele di corbezzolo è un potente energizzante. Dà energia immediata dovuta dal glucosio, utile dopo un grande sforzo fisico o mentale e di riserva, data dal fruttosio.

5. Dieta:

Inserire il miele di corbezzolo nella propria dieta è sicuramente benefico. Pur essendo composto da cristalli di zuccheri (300 kcal per 100 g), ha meno calorie rispetto allo zucchero tradizionale (392 kcal per 100 g) e di canna (362 kcal per 100 g).
Con questo non significa che assumendo miele si dimagrisca, ma di sicuro si apportano all’organismo quantità di kcal inferiori e di benefici maggiori.

6. Per i Bambini:

Come detto prima, essendo efficacie contro la tosse negli adulti, lo è ancora di più nei bambini. Molte volte capita che ai bambini venga la tosse, per vari motivi, un cucchiaino prima di dormire allevia i sintomi.

7. Prebiotico:

Il miele di corbezzolo è ricchissimo di sostanze prebiotiche, cioè che non vengono digerite dall’uomo, ma giungono all’intestino e sono utilizzate dalla flora intestinale per prolificare. Queste sostanze sono principalmente gli oligosaccaridi presenti nel miele, tra cui i FOS.

ATTENZIONE!

Questo poderosissimo miele perde molti dei suoi benefici se disciolto in bevande calde!

Consigliata è l’assunzione di 1/2 cucchiaini al giorno, è possibile al massimo scioglierlo in acqua fredda o unirlo a delle gocce di limone.

Provate il nostro Miele di Corbezzolo Sardo

Curiosità:

A Madrid, in Spagna, nella piazza Puerta de Sol, in pieno centro storico della città, vi è una statua che raffigura un orso molto goloso, sulle zampe posteriori, che cerca di raggiungere il frutto di un albero. L’albero in questione è un Corbezzolo. La statua edificata nella seconda metà del 20° secolo è divenuta il simbolo della città stessa. L’animale, molto diffuso nei boschi del 13° secolo, si appoggia al madroño (corbezzolo) per cercare di “assaporare” le bacche amare, che a discapito del loro gusto furono utilissime alla popolazione per guarire dalle febbri malariche che nel ‘500 colpirono Madrid. Tra coloro che guarirono ci fu l’Imperatore Carlo V che pose sul nuovo stemma dello scudo cittadino la corona a cinque punte.

orso e corbezzolo a Madrid
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *